Venerdì 13 Dicembre 2019
   
Text Size

Sorpresi mentre tentano di entrare in casa

carabinieri

Due malviventi hanno provato a svaligiare un’abitazione in zona via Sammichele

Nel pomeriggio di mercoledì 2 ottobre, alle ore 18.00 circa, lo studio di un giovane concittadino viene interrotto dal suono del campanello di casa. I suoi genitori sono andati via da poco ed il ragazzo preferisce non rispondere per non essere distratto e perché non attende visite. Suonano una prima, una seconda ed infine una terza volta, con una certa insistenza. Il portone è chiuso a chiave e dunque il nostro concittadino pensa di scendere per capire chi sia. Arrivato al piano terra, però, scorge due uomini intenti a scassinare la serratura: uno di loro ha i capelli rasati e sembrerebbe essere alto circa 1,75. Alla vista dei due malviventi, il povero malcapitato accende le luci e lancia un urlo intimidatorio: i due, convinti di agire a colpo sicuro, sobbalzano e si danno alla fuga a bordo di un’utilitaria grigio metallizzato.

Alcuni minuti più tardi arriverà una pattuglia dei Carabinieri per sincerarsi dell’accaduto. Fortunatamente nessuno si è fatto male, a parte il portone che ha subito qualche lieve danno a causa del tentativo di forzatura: tutto bene, insomma.

Certamente, come qualcuno ha affermato in controtendenza a quello che potrebbe essere il senso comune, non esiste un momento “idoneo” per i furti, ma resta tuttavia degna di nota la scelta dell’orario dei topi d’appartamento: il pieno pomeriggio non è forse il migliore momento per agire indisturbati, tantomeno la zona residenziale, ovvero via Sammichele, che, seppur leggermente in periferia, non è totalmente isolata da rendersi così appetibile ad un’azione criminale di questo tipo.

Probabilmente, a giudicare da quanto detto in introduzione, i ladri hanno aspettato che i genitori lasciassero l’abitazione, ma restano dunque le perplessità poc’anzi menzionate: come indicato dai manuali di criminologia, potremmo pensare ad individui talmente avvezzi a questo tipo di condotte, da non avvertire fisiologicamente ed anatomicamente il senso del pericolo.

Ad ogni modo, quello appena documentato non è l’unico caso di furto che si è verificato di recente nella nostra città. Poco tempo fa alcuni malviventi hanno provato a scassinare una Fiat 500 parcheggiata a Largo Pozzi: è vero, in questo caso si tratta di un tentativo verificatosi in piena notte, ma comunque in un luogo talmente da centrale da suggerire, ancora una volta, quanto possano essere incoscienti e pericolosi certi individui. Domenica notte scorsa un’altra vettura sarebbe stata vittima di furto, questa volta però portato a termine.

LEONARDO FLORIO

Commenti  

 
Senza parole
#1 Senza parole 2019-10-10 12:07
I furti a Turi negli ultimi anni sono aumentati in maniera considerevole. Abbiamo bisogno di più sicurezza!! ????
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.