Scavando e corteggiando, tra mille peripezie

DIALETTO

Due racconti scritti in dialetto: nel primo, alcuni Indiana Jones turesi scavano sottoterra per trovare l’altare di Sant’Oronzo; nel secondo, i rituali di corteggiamento del passato

Come più volte accaduto in passato, abbiamo spesso dedicato su queste colonne ampio spazio al grande patrimonio linguistico-culturale racchiuso nel nostro dialetto; in tal senso, recentemente, abbiamo provato a tradurre nella forma e a sviscerare il contenuto di alcune espressioni idiomatiche turesi, proverbiali, se non addirittura poetiche. Il desiderio, espresso anch’esso su queste pagine, era quello di raccogliere nuove parole ed espressioni, ma per diverse ragioni non è stato possibile realizzarlo. Ci ha pensato, tuttavia, il prof. Raffaele Valentini creando il gruppo Facebook “Maleparole. Dialetto turese”; all’interno di questo spazio sono state pubblicate negli scorsi giorni due storie. La prima, frutto di pura invenzione, è stata scritta da Vito Colapietro: “Mi sono permesso di scrivere un racconto, coinvolgendo dei personaggi, con i loro soprannomi, che tanto hanno dato o danno ancora al vissuto turese” – spiega sui social. La seconda, invece, è più inquadrabile come una sorta di testimonianza storico-sociologica in cui una signora turese racconta le peripezie cui i giovani di qualche decennio fa andavano incontro quando decidevano di corteggiare una ragazza; lo scorcio offerto da questa concittadina è estremamente divertente ed, al contempo, offre interessanti spunti di riflessione, poiché pone in sinossi il passato ed il presente: alcune differenze, come si vedrà, sono abissali. Prima di procedere oltre, vogliamo scusarci con l’autrice del secondo racconto nel caso in cui la traduzione da noi proposta travisi qualche breve passaggio.

UN’INDIANA JONES TUTTA TURESE

“Tànde amà ffé e prìme o poíe l’amà cchiè”

Na vólde, tànde ànne andréte, se descéve che a Túre, sotte a la chiése de Sànde Ròcche, stéve nu setténe; da ddé semb'addrítte, sotta térre, direzíone Comùne, se acchiéve l'altére du Sànde. Acchemenzérene a scavé, facérene tré squàdre; la príme: Màtetine, u Précíne, Iàndeníne (la càrriole la pertéve Trénda Carríne); la séconde: Sciàcquétte, Pénecuétte, Cerlétte (u chépe squàdre e cúuche iéve Cíallédde; la térza iére: Pèzza Biànghe, Pézze Chendénde e Pézze e Pézze. Iúcce Patrùne, nge détte na péle e na checchiére a ppedúne; Ménaseménde détte u gémende. Acchemenzérene i fatìche, a nu cérte púnde, u Magròne scìje a Trefòne e nge pertìje nu geléte a llemòne. Arrevérene sòtte a San Demíneche, u pertúse sotta térre stéve a scheffelé. Chiamérene a Miscòcchie e i mettíje a scavé e a repezzé a còcchie. Arrevérene sòtte o Comúne, e ménoméle ca na ngé stéve nesciúne. Scàmastrénne scàmastrénne, rénza rénze u pertúse, Cícere Frítte, nge descíje scavéte e càmmenéte sémba a drítte. Schéve e schéve, u búche iève strítte; nànze, prime scéve u Gaddúzze e pòie Cavatjìdde e Cialleddúzze. A nu bélle mòménde acchiérene na làstre de gémende: "Férme a tùtte!!". Venìje u chépe spédizziòne Marenúcce: "Sìme arrevéte all'altére du Sànde!!!". Facìte venìje Matetìne che la marteddíne. Dù’, tré bòtte, se aprìje nu vàrche e assérene sòtte o càmmenette de Mengúcce Papàgne. Acchemenzérene i gastéme. "Prime ca véne u uàrdie, chiaméte a Pettenícchie ca m’ha mmétte u càmmenétte o véle dritte, po’ mangiàteve na zambíne de méste Papàgne, salíte i schéle, che ava rrevéte u Càrre… e ava' cchemenzéte la fésta grànne".

LA TRADUZIONE

Un tempo, tanti anni fa, si diceva che a Turi, al di sotto della chiesa di San Rocco, vi fosse un sottano; da quel punto, andando sempre dritto, sotto terra, verso il Comune, era possibile trovare l’altare di Sant’Oronzo. Tre squadre cominciarono a scavare; la prima: Màtetine, u Prècìne, Iàndenìne (Trènda Carrìne portava la carriola); la seconda: Sciàcquétte, Pénecuétte, Cerlétte (il capo squadra e cuoco era invece Cíallédde); la terza: Pèzza Biànghe, Pézze Chendénde e Pézze e Pézze. Iúcce Patrùne dette loro una pala e un cucchiaio ciascuno; Ménaseménde, invece, fornì il cemento. Iniziarono i lavori e a un certo punto u Magròne si recò al bar Trifone per portare agli operai un gelato al limone. Arrivati a San Domenico, il pertugio sotterraneo mostrava segni di cedimento. Gli operai chiamarono Miscòcchie che ordinò loro di scavare e aggiustare il cunicolo due per volta. Giunsero al Comune e per fortuna non c’era nessuno; continuando a scavare pian piano il pertugio, Cicere Fritte disse: “Scavate e procedete sempre dritto”. Il passaggio però era stretto; avanti a tutti c’era u Gaddùzze, seguito da Cavatjìdde e Cialleddùzze. A un certo punto si imbatterono in una lastra di cemento: “Fermi tutti!”. Sopraggiunse il capo della spedizione, Marinuccio: “Siamo arrivati all’altare del Santo! Chiamate Matetìne con il picconcino”. Due, tre colpi, si aprì un varco che portava direttamente sotto al caminetto di Mengùcce Papàgne. Inevitabili furono le imprecazioni: “Prima che arrivino le forze dell’ordine, chiamate Pettenìcchie ché dobbiamo raddrizzare il caminetto; poi mangiate una zampina di mèste Papàgne e salite le scale, giacché è arrivato il carro ed è incominciata la fèsta grànne”.


RITUALI DI CORTEGGIAMENTO TURESE

Aqquànne ièreme ggiùvene nue se usève ca i màschele ièrene a corteggiè assèjie i fèmmene pe avè nu sìne. Da nnànze e' càsere nòste ière nu passe e spasse de giovanòtte ca ne ièrene menète l'uecchjie. I vecìne de chèse quànne acchemenzèvene a vedè u marallèe, decèvene: “Ce vòle mù cùsse crestiène? A ce appartène? Ce sònde la mamme e u attène?”. Nge pegghièvene tutte i connotete. La nonna mèjie respennève: “Quanne u fiòre stè a la gràste, ce vòle l'adòre.”. Ce capetève ca ière assìje de chèse pe ffè nu servìzzie, acccòme na maggìe assève da jiende a na strède u uagnòne du passe e spasse. Come fascève a sapè ca ière assùte? No sò mèje capìte! Tu cammenìve nnànde e cùdde, come na mbrescène, te venève rète. Tu alzìve u passe e l'alzeve pure jìdde: “Signorina, permette una parola? Come si chiama?”. Mu ie nge velève respònne: “Sò do mìse ca pàsse da sotte a chèse e na sèjie u nòme mjie!”. Ma cìtte, chèpe sòtte e camìne. Ce ière e tjimbe de mu me ière a pegghjiè na sajiètte a vedè nu crestiène rète ca cammenève quèse attacchète a mèe, ma a chìdde tjimbe pe na segnorìne ière na cosa normèle. L'ordene ca ne dèvene i genetùre ière de na responne pe nan attacchè bettòne, ca se ière a stanghè e se ne ière a scjie. “Ce ve mèttene na mene nguèdde, menàtenge na stambète jinde e’ gàmme!” - Mu ièreme a ffè a mazzète mènze a la strède!

LA TRADUZIONE

Quando noi eravamo giovani, era costume che gli uomini corteggiassero a lungo le donne per avere un “sì”. Davanti alle nostre case c’era un continuo via vai di giovanotti (che ci avevano adocchiate). I vicini, alla vista di questa confusione, dicevano: “Cosa vorrà mai questa persona? A quale famiglia appartiene? Chi sono suo padre e sua madre?”. Insomma cercavano di prendere tutti i connotati. Mia nonna rispondeva: “Quando il fiore è piantato nel suo vaso, chiunque voglia lo odora”. Se capitava che dovevo uscire di casa per una commissione, magicamente spuntava il ragazzo del “via vai”. Come riusciva a sapere che ero fuori di casa? Non l’ho mai capito! Tu camminavi avanti e lui, come un’ombra, ti seguiva: “Signorina, permette una parola? Come si chiama?”. Io avrei voluto rispondergli così: “Sono due mesi che passi da sotto casa e non sai il mio nome!”. Ma niente: silenzio, testa bassa e cammina. Se una cosa del genere accadesse attualmente, mi prenderei un gran spavento alla vista di una persona che mi cammina alle spalle, quasi attaccato a me; ma in quei tempi, per una signorina, era la normalità. I nostri genitori ci comandavano di non rispondere e non attaccar bottone, così da far desistere il pretendente. “Se vi mettono le mani addosso, tirategli un calcio tra le gambe” – Stando così le cose, a quest’ora, noi donne saremmo per strada a fare a botte!

LEONARDO FLORIO