Martedì 02 Marzo 2021
   
Text Size

L’atmosfera natalizia nell’hobbistica “Kurlyhandmade”

Sabrina Cipriani

Tutto (o quasi) su Sabrina Cipriani, sulla sua produzione di manufatti e sulla sua filosofia di vita: “Io da grande voglio diventare piccolo”

Il 2020 sta per volgere al termine ed è arrivato il momento di stilare bilanci. Quest’anno, sulle colonne de “La voce del paese”, abbiamo avuto l’onore di dar spazio a diversi artisti turesi, approfondendone la biografia e la produzione, non poche volte vasta e poliedrica. L’ultimo intervistato, in ordine cronologico, è stato Vincenzo Cipriani, pittore vedutista ed abile estemporaneo di origini baresi, residente a Turi da oltre un decennio. In questo numero, vogliamo occuparci di sua figlia Sabrina, classe ’88, e dei suoi deliziosi manufatti.

FIGLIA D’ARTE

index

Prima di addentrarci nel merito delle tue opere, qual è la tua professione?

«Lavoro nei nostri due negozi di famiglia; è un lavoro abbastanza impegnativo che porta via la maggior parte della giornata. Nonostante ciò, nei ritagli di tempo, cerco di dedicarmi alle attività che mi appassionano e che mi piacciono. È anche un modo per rilassarmi e liberare la mente, altrimenti lo scorrere del tempo si ridurrebbe ad una serie di compiti da eseguire, soprattutto in questo periodo di lockdown».

Recentemente abbiamo intervistato tuo padre. Ti senti figlia d’arte? È stato lui ad averti trasmesso la passione verso questo mondo? «Sicuramente è soprattutto merito suo; sin da piccola sono entrata in contatto con l’arte: ricordo le mostre che faceva mio papà in giro per la Puglia. Noi, la nostra famiglia, lo seguivamo ovunque andasse, pronti a sostenerlo. Passavamo giornate intere circondati da tele e colori. Ci divertivamo e passavamo delle belle giornate. Ricordo anche, da bambina, quando mio papà mi prendeva in braccio e insieme dipingevamo. Avevamo un salotto adibito a laboratorio dove passava nottate a dipingere. Quindi, sì, penso di sentirmi figlia d’ arte».

RILASSARE LA MENTE E LIBERARE LA FANTASIA

AAAAA

I lavori di Sabrina Cipriani rientrano nell’ambito dell’hobbistica, prodotti handmade ricchi di creatività ed audaci cromatismi; come vedremo, chi si cimenta in questo tipo di arte tende a creare pezzi irripetibili o se non altro tutti molto diversi tra loro.

Quando e come hai scoperto il piacere dell’hobbistica?

«Realizzo lavori manuali praticamente da sempre, sin da quando ero piccola, grazie ai miei genitori che in questa attività hanno visto la possibilità di stimolare la mia creatività. Crescendo, ho dovuto in parte accantonare questa mia passione, salvo poi tornare all’opera qualche anno fa; ho deciso di riprendere perché ho sentito l’esigenza di dare alla luce cose nuove, di mettermi alla prova ed anche perché, facendo queste attività anche per poche ore al giorno, mi rilasso, libero la mente, la fantasia e soprattutto mi concentro su me stessa. In parte, credo di aver ripreso anche grazie a mio padre. Quando creo qualcosa con le mie mani mi sento soddisfatta e felice. E soprattutto mi rendo conto che i miei manufatti, pur non essendo perfetti, sono pezzi unici ed autentici».

LE TECNICHE E I MATERIALI DEI LAVORI DI SABRINA CIPRIANI

ANELLO

Volendo fare una stima matematica, quanti prodotti ritieni di aver realizzato sino ad oggi? Quali sono le tecniche e i materiali che solitamente adoperi?

«Non ho mai contato le mie piccole creazioni: saranno all’ incirca 400/500. Alcune sono molto diverse tra loro, perché si spazia dalla carta alla pelle, dai tessuti al legno. Per realizzare i monili, nello specifico orecchini e collane, ho spesso adoperato la carta pesta con la tecnica del graffito o la tecnica wire; tuttavia, ho anche avuto modo di lavorare il legno, la resina, il rame, l’alluminio ed ho inoltre dipinto alcune tele e lavorare la pelle attraverso la quale ho creato una gonna; adesso sto imparando a lavorare con l’uncinetto, cercando così di ampliare le mie possibilità di espressione artistica, anche e soprattutto perché attualmente non si può viaggiare, altra mia grande passione. Vedere, imparare cose nuove e aprire la mente a nuove esperienze aiuta certamente a crescere e diventare più consapevoli: di sicuro, almeno per quanto mi riguarda, viaggiare rende più felici».

BELLI

Chiariti i materiali e le tecniche, potresti dare ai nostri lettori un’idea degli oggetti che solitamente produci?

«Solitamente orecchini, collane, braccialetti ed alcune volte dipinti a mano. Ho dipinto ciò che ho nel cuore: il mare. Per vivere felice a me basterebbe solo il mare. Adoro i suoi colori e lo guarderei per ore ed ore, senza mai stancarmi. Quando lo guardo, ritrovo il mio equilibrio, se mai ne avessi uno - devo ancora capirlo -; il rumore delle sue onde riesce a svuotare la mente e a creare un contatto con la natura. Quando posso, mi concedo dei momenti in cui contemplare l’alba e il tramonto, due momenti magici per me. In fondo, ho capito che la felicità è fatta di piccole e semplici cose: non servono il successo e tanto meno i soldi per essere felice. I soldi sono solo un tramite per riuscire ad esaudire i propri desideri. L’importante è che vivere un’esistenza piena; piena di amore, di esperienza e soddisfazioni, ma anche delusioni e ostacoli da superare».

IL NATALE SECONDO “KURLYHANDMADE”

NATALE 1

Con questa interessante nota filosofica, costante in ogni artista – più o meno tormentato - di qualsiasi livello, passiamo adesso all’attualità.

Il Natale si avvicina; hai realizzato qualcosa per l’occasione?

«Questo sarà certamente un Natale diverso. Si fa fatica a percepire la consueta atmosfera festosa, però bisogna pensare positivo. Quest’anno ho realizzato alberelli, dei fiori, delle candele e delle idee regalo disponibili nel mio negozio. Abbiamo anche una pagina Facebook e Instagram che si chiama “Kurlyhandmade” dove è possibile prendere visione di tutti i mei lavori, alcuni dei quali in collaborazione con mio padre».

IL PUBBLICO

A proposito del rapporto col tuo pubblico, quali sono i feedback ricevuti? Hai mai partecipato a mostre o mercatini?

«Ho preso parte diverse volte ai mercatini di Turi, e anche a Ticciano, paese nativo del mio compagno, sulla costiera amalfitana. Quando la gente sceglie le mie piccole opere sento dentro di me un profondo senso di soddisfazione, perché si impiega tempo e cuore per realizzarle e quando piacciono a qualcuno vuol dire che è stata apprezzata l’originalità dell’artista».

natale 7

Ritieni che questo tipo di attività possa dare beneficio a grandi e piccini?

«Certo, le attività manuali fanno bene a grandi e piccini, consentono di dar spazio alla creatività, alla fantasia, di concentrarsi, di studiare, allontanano lo stress, liberano la mente, consentono di concentrarsi su se stessi, si imparano cose nuove. Quindi assolutamente portano tanti benefici».

“DA GRANDE VOGLIO DIVENTARE PICCOLO”

Come credi sia opportuno concludere quest’intervista?

«Ho raccontato un po' di me, di quello che sono e spero che questo periodo finisca presto e che si torni alla vita normale. Mi auguro che le attività artistiche riprendano presto e con loro il corso di pittura in cui collabora mio padre. Piacerebbe partecipare anche a me, però purtroppo il lavoro me lo impedisce al momento; tuttavia, mai dire “mai” nella vita, tutto può succedere. L’importante è metterci sempre l’impegno e la volontà. Concludendo, una frase che ho letto e che mi ha colpito molto è: “Io da grande voglio diventare piccolo”; nel senso che, crescendo e diventando più consapevoli, ci si rende conto che il mondo visto con la fantasia dei bambini è molto meglio di quello che riescono a vedere gli adulti».

Come dicevamo poc’anzi, dietro ogni artista c’è, quasi sempre, una mente pensante, desiderosa di rompere la superficialità delle prospettive comuni per far sì che emergano pensieri alternativi, visioni approfondite: questo è il caso di Sabrina Cipriani, che ringraziamo per aver soddisfatto tutte le nostre curiosità.

LEONARDO FLORIO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.