Lunedì 06 Luglio 2020
   
Text Size

Oneri di urbanizzazione, edilizia convenzionata e strade pubbliche. Il Sindaco risponde

Il sindaco Tina Resta

Ai nostri microfoni il punto preliminare di un’analisi rinviata al prossimo Consiglio

Come accade di padre in figlio, di generazione in generazione, anche nell’ambito amministrativo c’è sempre un’eredità che, nel bene o nel male, rappresenta per il beneficiario una sfida in termini di gestione. D’altronde c’è chi dilapida un patrimonio, chi eredita soltanto debiti e chi invece riesce a dare continuità alla ricchezza accumulata, avendo premura di non lasciare sulle generazioni successive un macigno insostenibile.

Fuor di metafora, come detto poc’anzi, questo accade anche per le Amministrazioni, specie quando queste si alternano con fibrillazione, causando la rottura di quel filo logico, già debole, che, a prescindere dalle questioni squisitamente politiche, dovrebbe tenerle unite, se non altro quando c’è da affrontare alcune annose questioni. Problematiche complesse, dunque, che non trovano un punto finale nel breve termine, ma che anzi si protraggono per anni. Tra queste, Turi “vanta” il discorso degli oneri di urbanizzazione non riscossi dal 2009 al 2012, la necessità di accertare la regolarità degli atti di vendita degli immobili realizzati in edilizia convenzionata e l’altrettanto necessaria acquisizione all’interno del patrimonio pubblico di alcune strade che, dopo tanto tempo, sono in parte pubbliche ed in parte private.

Di questo si sarebbe dovuto parlare nel primo Consiglio comunale utile ma tutto è stato rinviato alla “prossima puntata”. Nell’attesa, abbiamo cercato di saperne di più intervistando il sindaco Tina Resta, che ringraziamo per non aver messo in stand-by anche noi.

È stato stimato a quanto ammontano gli oneri di urbanizzazione non riscossi dal 2009 al 2012?

«Considerando che si parla di qualche centinaio di pratiche, ed ognuna ha una complessità interna che deriva dall’essere o meno un semplice permesso di costruzione con o senza ulteriori varianti, è complesso fare una stima globale. Pertanto, gli uffici non sono ancora in grado di stimare una cifra in merito».

Cosa intende fare il Comune per evitare di perdere questa entrata?

«L’Ente non ha mai interrotto l’attività di verifica, tant’è vero che negli ultimi mesi ha ripreso ad inviare gli avvisi di richiesta di integrazione degli oneri versati a suo tempo».

Quanto agli immobili realizzati in edilizia convenzionata, si è accertata la regolarità degli atti di vendita?

«L’argomento, poiché comporta specifiche valutazioni di carattere tecnico e legale con riferimento agli atti unilaterali d’obbligo al suo tempo stipulati, sta impegnando l’Ufficio per un apposito approfondimento».

Legato al problema degli oneri di urbanizzazione, c’è quello dell’acquisizione al patrimonio pubblico delle strade. Quante ne mancano e in che tempi pensate di provvedere?

«La mappatura del sistema viario cittadino che sta svolgendo l’Ufficio Tecnico fa emergere una situazione di estrema complessità, probabilmente dovuta alla mancanza di controlli negli anni precedenti. Da questa attività monitoraggio sta emergendo una situazione molto complessa, legata a procedure di cessione non perfezionate, a strade da acquisire mai completate e strade con tratti pubblici e tratti privati. Il tutto va analizzato in maniera dettagliata dal punto di vista tecnico e amministrativo per poter pianificare gli interventi da attuare al fine di dare soluzione definitiva alla problematica».

Insomma, è il caso di dirlo, la strada da fare è ancora parecchia e si spera che sia quest’Amministrazione a compierla per intero, se non altro perché il tempo passa: anzi ne è già passato tantissimo e la fiducia per il futuro, se commisurata a quanto visto in passato, è a buon diritto davvero poca.

LEONARDO FLORIO

Commenti  

 
studiare
#3 studiare 2020-02-28 13:44
..e menomale che STUDIANO.!!! figuriamoci se "tiravano a campare".. ahh .. studiano per TIRARE A CAMPARE?? ... questa mi era sfuggita.!
Citazione
 
 
Polemico
#2 Polemico 2020-02-04 15:52
Vogliono far diventare comunali le strade che adesso sono private perchè cosí tutti i costi di manutenzione e di illuminazione passano al comune. Questo non deve essere permesso, si vogliono favorire i soliti amici.
Citazione
 
 
Lollo
#1 Lollo 2020-02-04 15:47
Quindi dice il sindaco che stanno ancora studiando le pratiche su ogni problema. A dieci mesi dalle elezioni. Dieci mesi e ancora stanno studiando!!!
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.